“APPIA A PIEDI” di Marino Curnis


 

Amo viaggiare, viaggiare camminando. Ho posato piedi ed emozioni in molti luoghi ricevendone diverse esperienze in cambio. Spesso ho camminato sulle tracce della storia: l’anabasi di Alessandro Magno, la Via della Seta, l’ultimo viaggio di Leonardo da Vinci da Roma ad Amboise. Un viaggio tira l’altro e fu proprio all’inizio del mio “Leonardo 1516”, che mi si insinuò nella mente un’ispirazione: percorrere la Via Appia antica.

Read more…

Un’esperienza di cicloturismo lungo il tracciato dell’Appia Antica


 

L’idea di fare un viaggio lungo tutta l’Appia Antica ha cominciato a prendere forma nel 2017, quando abbiamo scoperto che il MiBACT,  nel costituire il Parco Archeologico dell’Appia Antica, affidava al Direttore la responsabilità del progetto di valorizzazione dell’intera strada consolare, quindi fino a Brindisi. Ci è sembrato bellissimo poter immaginare un tracciato a percorribilità lenta, che fosse un viaggio nella natura, nella storia e nella cultura delle popolazioni locali.

Read more…

L’esperienza del Cammino che ha ispirato il progetto


All’inizio pensavamo di cavarcela con un’escursione. Nessuno di noi avrebbe osato pensare a un viaggio che avesse il rango della riscoperta. Il cammino, in quella fatidica primavera del 2015, ci ha sorpreso dicendoci il contrario. L’Appia antica la stavamo ritrovando, non solo ripercorrendo. Tanti, troppi erano i segmenti cancellati dal tempo; e da troppo tempo nessuno aveva preso integralmente in mano quel magnifico filo rosso. Eravamo di fronte al vuoto di memoria della nazione nei confronti di una traccia così gloriosa. Increduli che l’Italia avesse dimenticato quella linea – la prima via d’Europa – e non ne avesse fatto una sua icona, come la Spagna con il Cammino di Santiago.

Read more…